Loading...

STUDIO RICCARDO RINALDI

Terapie / Parodontologia

PARODONTOLOGIA

Gennaio 2018 | Studio Riccardo Rinaldi | Torna a Home

La malattia parodontale (detta anche piorrea) è molto frequente nella popolazione a causa della mancanza di sintomi dolorosi nel suo progredire ed è la causa principale della perdita di elementi dentali nell'adulto.
La screening per la presenza di questa patologia (Periodontal Screening Recording) si attua in maniera rapida ed indolore a tutti i pazienti in visita.
La diagnosi specifica si basa sulla valutazione clinica, sul sondaggio parodontale i cui risultati sono riportati nella cartella parodontale, e su una valutazione radiografica, con radiografie endorali a bassa emissione.
La terapia di questa patologia è stata ben codificata nel corso degli anni grazie a studi scientifici di alto livello e si basa sulle seguenti fasi protocollari:
Fase MOTIVAZIONALE consiste nella spiegazione al paziente delle tecniche adeguate di igiene orale. Questa fase è fondamentale, poiché il successo di ogni terapia è enormemente aumentato da ottimi livelli di igiene domiciliare. Poiché ci vuole del tempo per imparare le tecniche di igiene domiciliare e poiché queste sono "personalizzate" per ogni paziente, è necessario che di ciò se ne occupi una figura professionale quale l'igienista dentale.

Fase EZIOLOGICA consiste nella eliminazione in maniera non chirurgica della placca batterica, presente a livello sopra e sotto gengivale, e di tutte le condizioni che ne possono facilitare l'accumulo come il tartaro, le carie, i restauri debordanti e gli ottavi in disodontiasi. Questa fase si esegue classicamente con strumentario dedicato, quali ultrasuoni, scaler o curette e puì necessitare, a seconda della situazione, di antibioticoterapia. L'utilizzo di nuovi strumenti tecnologici (laser e ozono) non trova al momento una giustificazione dal punto di vista scientifico.

Fase CORRETTIVA consiste nella correzione chirurgica dei difetti anatomici dell'osso e della gengiva, che si sono creati in seguito alla malattia. In questa fase sono utilizzate diverse tecniche chirurgiche, tra cui anche la rigenerazione del tessuto parodontale perso, al fine di abbassare il rischio di recidiva della malattia e garantire quindi una prognosi migliore agli elementi dentali compromessi.

Fase di SUPPORTO consiste nel mantenimento dei risultati ottenuti per gli anni a seguire. Questa fase è molto importante, poiché garantisce, con sedute di controllo ed igiene professionale a cadenza regolare da 1 a 4 sedute l'anno, il mantenimento nel corso del tempo dello stato di salute ottenuto con la terapia "attiva".

La Recessione gengivale, ovvero il contrarsi del margine gengivale con la conseguente esposizione della radice del dente, è un fenomeno piuttosto comune. Ha la sua causa nella presenza di un biotipo gengivale "sottile" ed in uno spazzolamento traumatico.
Questa patologia determina nel tempo problematiche di tipo: estetico, dovute ad un sorriso con denti che appaiono "più lunghi", di ipersensibilità dolorosa agli stimoli caldi e freddi e di aumentato rischio di carie.
Tecniche di chirurgia plastica mini invasiva comprovate scientificamente garantiscono la ricostruzione del tessuto gengivale perso e il ripristino dell'estetica e della funzione gengivale.


Leggi anche Protesi fissa
Top